Tramezzini, il marchio registrato da 3 giovani veneti che sbanca a New York

Registrare Tramezzini per aprire un business con un nome conosciuto in mezzo mondo? Lo hanno fatto tre giovani imprenditori veneti negli Stati Uniti. Il tramezzino oltreoceano non è conosciuto nonostante il numero impressionante di paninoteche e bar.

Da qui l’idea di Filippo Paccagnella insieme al fratello Massimiliano e all’amico Davide Pedon, di registrare il marchio Tramezzini per aprire il primo punto vendita dedicato al sandwich di Gabriele D’Annunzio il 26 maggio prossimo a New York.

L’avventura inizia l’anno scorso allo Smorgasburg, il mercato settimanale a Brooklyn definito dal New York Times la «Woodstock dell’alimentare» che seleziona 100 espositori in grado di portare innovazione nel mondo del food. E i tre amici sbancano con i tramezzini più grandi dell’ordinario e venduti a 8 dollari la coppia.

Nessuno, insomma, conosceva il tramezzino che appariva in qualche bar ma senza alcun rispetto della tradizione.

“Noi saremo il primo negozio in tutti gli Stati Uniti a essere specializzato in tramezzini. Importiamo il pane fresco dal Veneto ogni due settimane. Stiamo molto attenti anche agli ingredienti, che devono essere di prima qualità: anche il prosciutto crudo ce lo facciamo spedire da casa”, spiega al Corriere Filippo Paccagnella che, prima di lanciarsi nell’avventura della ristorazione verticale, ha testato il terreno al mercato e con alcuni catering per clienti di primo piano come Samsung e Chase Bank e poi ha registrato il marchio Tramezzini in tutti gli Stati Uniti e anche in Canada. L’unico modo per assicurarsi l’esclusiva di un nome tanto comune in Italia che in America ha già il suo hashtag #tramezzininyc.

La prima apertura, come detto il 26 maggio, sarà nel Lower East Side di Manhattan. Qualche posto a sedere ma soprattutto tanto asporto per uno street food che tra i co-protagonisti vedrà anche l’immancabile Nutella.

Ma ci sono anche invenzioni come il tramezzino ripassato nel forno per riscaldare le giornate invernali o il tramezzini nel cono che richiamano da vicino un altro street food italiano a marchio registrato, il Trapizzino di Stefano Callegari che ha aperto sempre nel Lower East Side.

L’obiettivo è di aprire una catena Tramezzini sbarcando in altre città americane come Miami.

Voi direte che ci vuole poco ad innovare nel food, ma qualcuno ha avuto la capacità di osservazione e la rapidità dei tre compagni con la passione della gastronomia?

[Link: Corriere Veneto]

Martedì, 2 Maggio 2017 di Scatti di Gusto

Altre notizie che potrebbero interessarti

Venezia, le delizie della cucina lagunare direttamente a casa: ma a New York

Quattro tramezzini, un piattino di olive ascolane, sardee in saor, baccalà mantecato, prosciutto crudo a fettine e grana. Ma anche: spritz e Amarone della Valpolicella.
Continua a leggere

Brevettano i tramezzini negli Usa, tre veneti conquistano New York

L’inizio è stato una battuta: «Ma perché in America nessuno fa i tramezzini?». Perché, pur essendoci migliaia di bar, paninoteche o simili, non si vede quel «sorriso» di ingredienti tra le due fette di pane bianco del famoso «sandwich» che deve il suo nome addirittura a Gabriele D’Annunzio?
Continua a leggere

Il re dei tramezzini si prende il Venexino di Padova: «E mi metto in società con i dipendenti»

Dopo il successo a New York, a Roma e a Jesolo, Davide Pedon rilancia il bistrot di via San Fermo. Domani l’apertura.

08 SETTEMBRE 2020

Continua a leggere

Tramezzini e “ombre” veneziane invadono Roma, apre”THE QC”

Giovedì 5 dicembre alle ore 17.30 apre il locale che esalta spritz, prosecco e tramezzini. I soci fondatori: «A Roma portiamo il tipico aperitivo veneto. E le sorprese non finiscono qui»
Continua a leggere